L’AGEVOLAZIONE IVA PER L’ACQUISTO DI AUSILI TECNICI E INFORMATICI

Le persone soggette a disabilità hanno la possibilità di usufruire di alcune agevolazioni. Oggi, nello specifico, vi parleremo dell’agevolazione prevista per l’acquisto di mezzi necessari all’accompagnamento, alla deambulazione ed al sollevamento dei disabili: l’aliquota Iva agevolata del 4%.

Quali sono gli ausili tecnici e informatici che possono essere assoggettati a Iva agevolata al 4%?

Si tratta di sussidi volti a facilitare la vita delle persone disabili, intese tali secondo l’art. 3 L. 104/1992. Rientrano tra questi ausili tecnici ed informatici tutti i dispositivi elettronici e meccanici di comune acquisto oppure appositamente progettati a seconda della disabilità, ad esempio l’acquisto di un telefono vivavoce, un modem, un fax, un computer.

Rientrano ulteriori ausili nell’agevolazione dell’Iva al 4%

  • Servoscala, oggetti che permetto a soggetti con ridotte o nulle capacità motorie il superamento di barriere architettoniche
  • Protesi e ausili per menomazioni di tipo funzionale permanente
  • Apparecchi ortopedici e oculistici
  • Poltrone o veicoli simili, anche con motore

È opportuno ricordare che tutti questi sussidi tecnici ed informatici soggetti ad Iva agevolata devono in ogni caso essere delle attrezzature adibite a benefici di persone con menomazioni permanenti. Lo scopo deve essere: agevolare la comunicazione personale, la scrittura, l’informazione, la gestione dell’ambiente, l’assistenza e la riabilitazione della persona disabile.

Per poter utilizzare tale agevolazione la persona disabile deve consegnare al venditore, prima di acquistare l’attrezzatura, la necessaria documentazione:

  • Una prescrizione medica scritta appunto da un medico specialista dell’Asl di appartenenza, dove deve risultare il collegamento funzionale tra la menomazione e lo specifico supporto
  • Un certificato attestante, da parte dell’Asl di appartenenza, l’invalidità permanente (uditiva, visiva, del linguaggio o motoria) del soggetto

Potete trovare tutte queste informazioni nella guida pubblicata dall’Agenzia delle Entrate.