COME FUNZIONA E QUALI SONO LE MODALITA’ DI RICHIESTA

Come definito dal DPCM “Cura Italia”, emanato per salvaguardare l’economia del Paese dall’emergenza sanitaria ed economica del Covid- 19, dal 1 aprile 2020 sarà possibile presentare la domanda per ottenere il bonus da 600 euro per lavoratori autonomi e stagionali relativo al mese di marzo.

Cosa è il bonus 600 euro?

E’un bonus pensato, inizialmente solo per il mese di marzo ma potenzialmente estendibile, per dare una mano ad autonomi e lavoratori di altri settori che stanno subendo pesantemente gli effetti della crisi economica conseguente alla pandemia.

Chi può richiederlo?

  • Liberi professionisti con Partita Iva attiva dal 23 febbraio 2020 compresi i partecipanti agli studi associati o società semplici con attività di lavoro autonomo iscritti alla gestione separata dell’ Inps.
  • Lavoratori autonomi iscritti alle gestioni speciali dell’AGO, come artigiani e commercianti
  • Collaboratori Coordinati e continuativi (Co.Co.Co.) con rapporto attivo alla data del 23 febbraio 2020 e iscritti alla gestione separata dell’Inps. Inoltre, queste categorie di lavoratori non devono essere titolari di un trattamento pensionistico diretto e non devono avere altre forme di previdenza obbligatoria.
  •  Lavoratori stagionali del turismo e degli stabilimenti termali.
  • Lavoratori del settore agricolo a tempo determinato
  • Lavoratori dello spettacolo

Quali sono le modalità per ottenere il bonus?

L’ Inps informa che dal 1 aprile 2020 è possibile presentare la domanda di richiesta, in via telematica, utilizzando i consueti canali telematici messi a disposizione per i cittadini e per i patronati nel sito internet dell’Inps.

L’accesso ai servizi online dell’INPS può avvenire attraverso una delle seguenti tipologie di credenziali:

  • PIN dispositivo rilasciato dall’Inps (per alcune attività semplici di consultazione o gestione è sufficiente un PIN ordinario);
  • SPID di livello 2 o superiore;
  • Carta di Identità Elettronica 3.0 (CIE);
  • Carta Nazionale dei Servizi (CNS).

L’accesso ai servizi sul portale istituzionale è consentito in modalità semplificata con esclusivo riferimento alle seguenti domande di prestazione per emergenza Coronavirus:

  • indennità professionisti e lavoratori con rapporto di collaborazione coordinata e continuativa;
  • indennità lavoratori autonomi iscritti alle gestioni speciali dell’AGO;
  • indennità lavoratori stagionali del turismo e degli stabilimenti termali;
  • indennità lavoratori del settore agricolo;
  • indennità lavoratori dello spettacolo;
  • bonus per i servizi di baby-sitting.

La modalità semplificata consente ai cittadini di compilare e inviare le specifiche domande di servizio, previo inserimento della sola prima parte del PIN, ricevuto via SMS o e-mail, dopo averlo richiesto tramite portale o Contact Center.

Come richiedere il PIN?

La richiesta del PIN può essere effettuata attraverso:

  • il sito internet www.inps.it, utilizzando il servizio “Richiesta PIN”;
  • attraverso il Contact Center, chiamando il numero verde 803 164 (gratuito da rete fissa), oppure 06 164164 (a pagamento da rete mobile).

Una volta ricevute (via SMS o e-mail) le prime otto cifre del PIN, il cittadino le può immediatamente utilizzare in fase di autenticazione per la compilazione e l’invio della domanda on line per le sole prestazioni sopra individuate. Qualora il cittadino non riceva, entro 12 ore dalla richiesta, la prima parte del PIN, è invitato a chiamare il Contact Center per la validazione della richiesta.

Con riferimento alla sola prestazione “bonus per i servizi di baby-sitting”, nell’ipotesi che la domanda sia stata inoltrata con il PIN semplificato, il cittadino dovrà venire in possesso anche della seconda parte del PIN, al fine della necessaria registrazione sulla piattaforma Libretto di Famiglia e dell’appropriazione telematica del bonus.

Per avere ulteriori informazioni su come ottenere e gestire il proprio PIN consultare il link